20 Dic

La gonna della contessa

di Clara Crovetto

“La conosci la storia del baldacchino di Apricale?” esclama all’improvviso Gatto Bardo a Gatto Rosso, davanti alla loro biblioteca.

“No ma invero non me ne importa gran che” di rimando lui.

”Fai male bello mio, è la più bella, intrigante, sanguinolenta storia della nostra Apricale, fatta di spie, di morti più o meno precoci, di battaglie legali, ma soprattutto di amori. E se ti dicessi che la gran contessa Cristina aveva un gatto grosso e rosso come te, ti attizzerebbe?”

“ Ma non raccontare frottole, ammettiamo tu l’abbia visto in una foto: allora erano in bianco e nero, tutt’al più color seppia, COME FAI A SAPERE CHE ERA ROSSO?”

Così sembra abbia scritto alla sua nipote- di rimando l’altro- quando era alla corte dello zar, ma sei troppo polemico, mi fai passare la voglia di raccontare”.

“E vabbè, attacca un Do, e vediamo se mi intrighi”

 

Gatto Bardo stupì l’amico, stupì assai: attaccò a sciorinare una lunga, lunghissima poesia, in rima baciata, come un vero cantore provenzale.

“ La contessa Cristina era bella e un po’ pienotta, e perciò sopranominata la ‘Bassotta’.”.

E così creò lì per lì, nella penombra della crosa  che porta al Castello, un grande poema.

Gatto Rosso era allibito: con la bocca semi aperta, il linguino fuori, e le orecchie moderatamente abbassate, seguiva il racconto rapito

Da allora la stanza d’albergo detta Della Contessa, è la più ambita, con i due gattoni che  si offrono per una foto ricordo sul lindo baldacchino bianco.

 

Nasce, inoltre, nel borgo, un’ incantevole compagnia teatrale itinerante che, ancor ora, su tutta la costa ponentina ligure offre spettacoli in versi, nello stile degli antichi trovatori provenzali, che narrano di gesta, amori, motti frizzi e lazzi di quella terra.

 

 

Lascia un commento